Itinerari

La Foresta Umbra nel Gargano

Foresta UmbraLa Foresta Umbra è un’area naturale protetta all’interno del Parco Nazionale del Gargano. Il nome “umbra” indica la particolarità di questa foresta, cupa ed ombrosa con una moltitudine di spiecie floristiche e dalla fauna più variegata. E’ situata a circa 800 metri d’altezza con un’area di circa 400 ettari suddivisa in vari settori che identificano l’uso e la fruibilità turistica del territorio. Essa infatti è suddivisa in quattro zone, che permettono l’accesso ai turisti in modo più o meno restrittivo.

Il lago di Cagnano Varano

Cagnano VaranoIl lago di Cagnano Varano, più simile ad una laguna, ha un’estensione di 60,5 km ed è riconosciuto come il più grande lago dell’Italia meridionale. Il lago è caratterizzato da un’istimo, ovvero un lembo di terra che divide il Lago di Varano dal Mare Adriatico e che collega gli estremi est ed ovest del lago stesso. Uno spettacolo della natura che permette di osservare la fauna e la flora tipica del Gargano. Nelle vicinanze del lago è possibile inoltre visitare i “Pannoni”, un complesso di grotte artificiali scavate nel tufo.

Monte Sant’Angelo

Monte Sant'AngeloAntico borgo del Gargano, monte Sant’Angelo ha origine attorno al 1000 d.C. Riferimento turistico d’eccellenza della città è il castello di Sant’Angelo, modificato ed ampliato da Federico II. Il castello è caratterizzato dalla famosa Torre dei giganti, particolare per la sua forma pentagonale. Monte Sant’Angelo offre, inoltre, ottime prelibatezze gastronomiche tipiche del territorio garganico come le Pettole, pallottole di pasta molto morbida e fritte nell’olio bollente accompagnate da alici sott’olio e pizzette condite con olio,basilico e pecorino oltre a numerosi altre prelibatezze della zona.

Bosco Quarto

Bosco QuartoBosco quarto è simile alla Foresta Umbra ma si differenzia da quest’ultima per la tipicità del territorio floristico. Bosco Quarto è situato geograficamente tra Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo. Sono presenti percorsi dedicati ai turisti che vogliono fare trekking immersi nel verde della natura garganica dove non è raro trovare esemplari antichissimi di Cerri, piante dall’ampia chioma con altezza che arrivano sino a 30-35 metri. Particolarità del Bosco Quarto è la rinomata caratteristica del “gigantismo”, con la presenza di svariate piante centenarie che formano e plasmano il territorio come in poche altre zone del nostro paese.

Vieste

ViesteLa città di Vieste è uno dei fiori all’occhiello della Puglia. Insignita con la bandiera blu per la qualità delle acque marine, è una tappa praticamente obbligatoria se visiti il Gargano per la prima volta. Collocata su di una piccola penisola rocciosa di natura carsica Vieste è rinomata inoltre per “le tre punte”: Punta San Francesco, ripida, scoscesa e molto rocciosa. Punta Santa Croce, più a nord, bassa a particolarmente pianeggiante ed infine, Marina Piccola una piccola spiaggia nei pressi del faro di Vieste. Altro riferimento turistico della città è Pizzomunno, simbolo della cittadina di Vieste, è un monolite alto ben 33 metri collocato proprio sul bagnasciuga della località stessa.

Peschici

PeschiciA soli 23 km da Vieste, Peschici è un’altra località costiera simbolo del Gargano. Se cercavi una piccola città marinara dove poter mangiare il pesce, Peschici è ciò che fa per te. Qui puoi trovare i trabucchi, strutture in legno dalla storia antica, simili a delle palafitte sull’acqua utilizzate ancora oggi per la pesca dei branchi di pesce di passaggio che migrano da nord a sud dell’Adriatico. Altra particolarità di Peschici sono le torri, strutture in pietra collocate a picco sul mare che venivano utilizzate in passato per difendere la cittadina dagli attacchi dei pirati, oggi accessibili grazie a rampe di pietra. La torre più famosa di Peschici è quella di Monte Pucci, visitabile dai turisti e che offre un panorama mozzafiato sul mare.